Utenti online
Al momento c'è 1 utente online
» 0 utente(i) | 1 visitatore(i)

Indice
Home page
Forum
Foto Gallery
Classifica Ironstarank 2012
Ironstar Tour 2012
Info Meteo
Race XTriM Triathlon
Race Magraid
FISA Fvg
CUS Udine Triathlon-Ud
Udine Triathlon-Ud
Triathlon Team-Pn
San Vito Triathlon-Pn
Federclubtriest Triathlon-Ts
Gorizia Triathlon-Go
Reaction Triathlon-Pn
Niuteam-Ud
CUS Udine Atletica-Ud

Statistiche del forum
» Membri: 323
» Ultimo utente: Matteino
» Discussioni del forum: 574
» Messaggi del forum: 4831

Statistiche dettagliate

Ultime discussioni
7° Halfiron Lignano 11/10...
Ultimo messaggio di: Benedictus
18-10-2014 19:23
» Risposte: 21
» Visite: 900
Cudin vince ancora
Ultimo messaggio di: Benedictus
03-10-2014 14:54
» Risposte: 0
» Visite: 78
VITA DA ''EROICA''
Ultimo messaggio di: Benedictus
03-10-2014 12:59
» Risposte: 44
» Visite: 12491
WILIER 101 SR
Ultimo messaggio di: maiko
28-09-2014 16:13
» Risposte: 0
» Visite: 122
CPC Challenge run/bike
Ultimo messaggio di: Benedictus
24-09-2014 12:58
» Risposte: 5
» Visite: 540
2x2 dei Bastioni - 7^ edi...
Ultimo messaggio di: jacopo
16-09-2014 12:16
» Risposte: 0
» Visite: 223
BIKE Monaco-Udine 2014
Ultimo messaggio di: Benedictus
15-09-2014 10:55
» Risposte: 14
» Visite: 1832
TANTO PER CONFRONTARCI
Ultimo messaggio di: EDDY
08-09-2014 10:41
» Risposte: 206
» Visite: 40898
SUPRACE 2014
Ultimo messaggio di: Benedictus
06-09-2014 00:02
» Risposte: 0
» Visite: 200
XTriM Cross Triathlon Lag...
Ultimo messaggio di: RobyUdTri
04-09-2014 09:43
» Risposte: 8
» Visite: 865
IM 70.3 SALZBURG
Ultimo messaggio di: denis.i
01-09-2014 17:58
» Risposte: 4
» Visite: 287
SUN&RUN 14/09/2014
Ultimo messaggio di: Benedictus
27-08-2014 13:15
» Risposte: 0
» Visite: 199
WIT 2014 - FINALE 2013
Ultimo messaggio di: Benedictus
27-08-2014 08:12
» Risposte: 21
» Visite: 1621
XTriM L3C 2014
Ultimo messaggio di: RobyUdTri
26-08-2014 10:30
» Risposte: 5
» Visite: 338
DBL-IM Murska Sobota
Ultimo messaggio di: Benedictus
23-08-2014 18:07
» Risposte: 10
» Visite: 559
Verona-Resia-Verona 2014
Ultimo messaggio di: Benedictus
18-08-2014 16:41
» Risposte: 0
» Visite: 211

Ricerca forum

(Ricerca avanzata)

Links

Rispondi 
 
Valutazione discussione:
  • 0 voti - 0 media
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
2013 Milano-Sanremo 297km
23-05-2013, 10:53 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 17-06-2013 16:11 da Benedictus.)
Messaggio: #1
2013 Milano-Sanremo 297km
Milano / San Remo, 9 Giugno 2013 - 297 km, oramai ci siamo...

Andiamo io e Denis Ioan, sara' una gara con me stesso, dato che al 160 regolarmente mi vengono i crampi, poi li supero. Sono almento 7 anni che ho in testa questa gara, da quando ne parlavo con il Mongi ai rizzi (ti ricordi?). E' afascinante e dura, una lotta continua per non perdere il gruppo per i primo 120 e poi se ne hai vai aprtimenti ti fermi.

Ho già detto a Denis che dopo il 160, la mia deadline dei crampi, io me la cavero' da solo, preferisco cosi, gestire la crisi e finirla e' il mio obbiettivo, ma lui insiste che non vuole mollarmi li, ragiona da ciclista serio, ma io sono un ironman e le crisi, come sanno tutti gli ironman, si vincono in solitudine, nel silenzio di noi stessi, ci vuole concentrazione... Denis avremo tempo di parlarne, ma il linea di massima preferisco cosi... e ti ringrazio ma fatti la tua gara, altrimenti dovrei tenere ritmi diversi e per me non fisiologici in quel momento della gara e rischio di non arrivare al termine.


Allegati Immagini
       
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
23-05-2013, 11:22 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 23-05-2013 11:28 da Benedictus.)
Messaggio: #2
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
Rispondo qui ad una e-mail di zuliani che dice:

''sentivo ieri Visconti che parlava come il ciclismo sia tutta una questione di testa, e a te certo non manca'', perciò un grosso in bocca al lupo x la Sanremo.

Grazie fabio e ti dico questo: e' vero sulle lunghe distanze la testa e' tanto, ma cazzo ho questi crampi dopo il 160 km, mi e' capitato in4 o 5 occasione in ogni lungo di questo inverno.

Nel 2013 il crampo mi perseguitano e in quel posto no mi era mai venuto nella vita, mi viene sotto le coscie, dietro al ginocchio, nella parte anteriore, sempre li non nei quadricipiti o polpacci, dopo supero e vado avanti piu' o meno bene.
Mi vengono anche se sono bene al 160 km come un orologio.

C'e' un problema e non capisco dove sia, l'anno scorso non ho avuto crampi per 9 mesi, nemmeno uno... e nemmeno nell Iron Man non ne ho avuti. Dico solo che non ho spostato la posizione in bici e mi ha messo in sella Plaino Luca e sono stato da lui 3 volte (sapete che sono uno spacca palle...), l'unica cosa rispetto all'anno scorso e' che non corro a piedi da 5 mesi... Mangio potassio e prendo cloruro di magnesio (suggerito dal mongi come lo ho preso nel 2012 prima di lanzarote), faccio scratching e mangio bene, carne e pescie, forse prendo pochi sali... ma vedremo...
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
23-05-2013, 11:35
Messaggio: #3
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
anche mia nonna da qualche tempo ha i crampi... sarà la vecchiaia! Big Grin
Visita il sito web di questo utente Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
23-05-2013, 11:36
Messaggio: #4
RE: 2013 Milano-San Remo 297km
tranquillo che tanto anche se ti vengono i crampi non la finirai mai da solo!!!! Se mai ti arriveranno sti cazzo di crampi, saranno dopo il turchino dove sicuramente avrai qualcuno dietro di te.... te li fai passare e poi ti attacchi a qualche gruppetto fino alla cipressa, dove li staccherai grazie agli esercizi di potenziamento in salita che abbiamo cominciato a fare Big Grin Big Grin Tongue
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
23-05-2013, 13:35
Messaggio: #5
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
(23-05-2013 10:53)Benedictus Ha scritto:  Milano / San Remo, 9 Giugno 2013 - 297 km, oramai ci siamo...

Andiamo io e Denis Ioan, sara' una gara con me stesso, dato che al 160 regolarmente mi vengono i crampi, poi li supero. Sono almento 7 anni che ho in testa questa gara, da quando ne parlavo con il Mongi ai rizzi (ti ricordi?). E' afascinante e dura, una lotta continua per non perdere il gruppo per i primo 120 e poi se ne hai vai aprtimenti ti fermi.

Ho già detto a Denis che dopo il 160, la mia deadline dei crampi, io me la cavero' da solo, preferisco cosi, gestire la crisi e finirla e' il mio obbiettivo, ma lui insiste che non vuole mollarmi li, ragiona da ciclista serio, ma io sono un ironman e le crisi, come sanno tutti gli ironman, si vincono in solitudine, nel silenzio di noi stessi, ci vuole concentrazione... Denis avremo tempo di parlarne, ma il linea di massima preferisco cosi... e ti ringrazio ma fatti la tua gara, altrimenti dovrei tenere ritmi diversi e per me non fisiologici in quel momento della gara e rischio di non arrivare al termine.

Matteo...avremmo 297 Km per parlarne Smile Ci divertiremo!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
05-06-2013, 23:01
Messaggio: #6
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
ore 21:45, rientrato dopo un'ora e mezza di scarico bike. fuori c'era una bella atmosfera e l'ora dopo il tramonto dalle colline di moruzzo e sempre magica. mi manca ancora un"allenamento e poi si parte. arrivare prima di una lunga gara, con molte incognite, ma sapere che quasi tutto e' andato bene nella preparazione da coraggio e voglia di iniziare a pedalare...
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
06-06-2013, 18:33
Messaggio: #7
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
(05-06-2013 23:01)Benedictus Ha scritto:  ore 21:45, rientrato dopo un'ora e mezza di scarico bike. fuori c'era una bella atmosfera e l'ora dopo il tramonto dalle colline di moruzzo e sempre magica. mi manca ancora un"allenamento e poi si parte. arrivare prima di una lunga gara, con molte incognite, ma sapere che quasi tutto e' andato bene nella preparazione da coraggio e voglia di iniziare a pedalare...

vai Matteo, in bici ti ho visto costantemente migliorare, hai una grande agilità e con la determinazione che ti ritrovi farai una bellissima Milano-Sanremo.
Poi vedi di recuperare in tempo per tutti gli eventi che stai organizzando che saranno un'altra Milano-Sanremo Exclamation

IN BOCCA AL LUPO
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
07-06-2013, 23:29
Messaggio: #8
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
oggi ultimo allenamento con enzo cussigh.
Tutto e' in macchina, sveglia sabato 8 giugno ore 3:45, direzione san remo, poi treno e bici per milano a prendere pacco gara, poi in holtel all hollidayinn di assago a rilassarsi in piscina, alle 20 pastaparty, letto. sveglia domenica ore 4:50, 5:15 secondo pasta party come colazione e alle 7:00 via!!! ci aggiorniamo...
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
10-06-2013, 13:01 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 10-06-2013 13:05 da Benedictus.)
Messaggio: #9
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
MILANO SANREMO DEL 09-GIUGNO 2013

Meglio di cosi non poteva andare!!! (in allegato i dati nel sistema metrico/decimale). Classificato 498 su oltre 1200 partenti con 300 ritirati. Io avevo pianificato di fare la gara in una media di 30 Km/h e quindi stare dentro le 10 ore.

Tanti incidenti e gente atterra, troppi. Pedalare a 48 km \h sotto la pioggia battente per ore non e' semplice, chiazze di acqua, stoccate, spinte, asfalto brutto e bagnato e ripartenze su almeno 50 rotonde è stato snervante...

Di 2 ristori ne ho fatto solo 1, il secondo ed ho perso 4 minuti circa, c'era ancora uno idrico a 50 km dalla fine che ho saltato. Il garmin con funzione ''autostop'', mi ha tolto questo tempo e di conseguenza la sua media aumenta, dai 31.6 reali ai 31.8 km/h registrati dal sistema. Il dislivello totale misurato dal garmin e' di 1.830 mt su 295,01 km (ma praticamente dal 121 km al 295 km dato che prima e' piatto). La media dei primi 121 km, fatti in 3h 09' e' stata di conseguenza 38.4 km/h. Guardate il grafico delle velocità della prima tratta, va dai 20/25 ai 45/48, solo le rotonde e gli infiniti rilanci da MIlano a Ovada, infatti l'altimetria segna che siamo sul piano (segno rosso nel grafico delle velocità). Dopo il Turchino la situazione non cambia da 25 a 40 Km/h, ma li sono sali/scendi che non danno tregua e si vedono nel grafico della quota, innumerevoli (colore nero nel grafico delle velocità). Ecco i dati con il percorso: http://connect.garmin.com/activity/325762167


Allegati Immagini
                                   
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
10-06-2013, 13:06 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 10-06-2013 13:08 da Benedictus.)
Messaggio: #10
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
LE FOTO DI GARA:


Allegati Immagini
                                       
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
10-06-2013, 16:53
Messaggio: #11
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
Grande Matteo, storica impresa, poi con la divisa di IM hai messo subito in chiaro con avevano a che fare :-)
Non sembrate nemmeno stanchi all' arrivo (effetto VTL ?). 50 ripartenze, se penso a tutti i rilanci che avevi fatto
nell' allenamento con noi il sabato prima, mi facevano male le gambe solo a vederti !
Ho solo un dubbio sulle calorie da te consumate indicate sopra, non saresti arrivato se fossero state tutte quelle ...
cosa mi dici in merito ?
Mandi
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
10-06-2013, 17:24
Messaggio: #12
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
Sono calcolate dato che utilizzo la fascia per polar, il garmin lo uso solo per la mappa, tutto e' su polar, come sempre.

-3 VLT
-8 OHM - SEMPRE E IRRINUNCIABILI
-1 forza 3
-6 barrette
-4 monodose carbo
-3 panini prosciutto fatti da me
-3 banane
-2 arance
-2 limoni
-1 borraccia da 750 ml laptoglobuline, maltodenstrine,
-2 borraccia da 750 ml potassio magnesio e sali
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
17-06-2013, 13:05 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 17-06-2013 18:45 da Benedictus.)
Messaggio: #13
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
FINALMENTE LA HO FINITA, CI HO LAVORATO UN PO NEL WEEK END, SE CI SONO ERRORI SCUSATE.

Scrivo la mia storia della milano-sanremo.

Io e Denis siamo arrivati alla zona della partenza in anticipo, attorno alle 6:20 principalmente per due motivi:

1) il nostro hotel era in tangenziale e li si sa in bici non si può andare, quindi smontate le ruote, saliti in un taxi, rimontarle, si perde tempo, meglio non rischiare

2) non avevamo pagato i 5 euro che, non so da quando, la W.T. chiede per abilitare il cip, LADRI!

La sveglia era stata impostata alle 4:55, per fare colazione alle 5:25, con un bel piattone di pasta come aveva già previsto l’ hotel holiday-inn di Assago dove pernottavamo. Sia un vecchio taxi-sta, che aveva fatto il militare in Friuli, che la signora dell’hotel, una manager un po in carne che farfugliava due parole di inglese, aveva consigliato a noi, ma anche a dei rigidi teutonici, di fare comunque la tangenziale velocemente la mattina dopo, di scavalcare in un punto particolare (solo dio sa dove) la rete di filo spinato che era rotta e che da li con un po di strada in un campo erboso, sempre che si trovasse quella strada, si arrivava vicino alla zona di partenza, con l'incognita che se pioveva il tutto diventava anche fangoso, ma che se ci beccava la polizia, che a dire della signora paffuta comunque non passa MAI la mattina presto, LORO non ci avevano detto niente e che lo avevamo deciso da soli e in autonomia e allora pensai immediatamente cosa potevano pensare i tedeschi in quel momento: "ITALIENISH!!!".

Passaggio nel cancelletto "BIIIP", tutto ok e in coda, erano le 6:35 non eravamo male come posizione. Chiacchieriamo con un tipo del MESCHIO di Caneva, che avevamo conosciuto alla randonnée 200 km di Portogruaro il 1 maggio 2013, loro erano almeno una decina e ci ha parlato della parigi-brest-parigi che aveva fatto due anni fa. Scatto qualche foto e pubblico.

Inizia a piovigginare e danno la partenza 5 minuti prima, pronti e via!!
Dopo qualche curva si arriva zona navigli, un drittone infinito, qualche rotonda ma si stata bene, quando la prima caduta sulla sinistra, nulla di grave.
Ogni tanto guardavo il contachilometri e segnava costantemente i 48 km/h. Arriviamo a Pavia, si stava bene, la pioggia era finita e c'era anche un po’ di sole, scatto due foto e mi rimetto in gruppo.

Innumerevoli rotonde ci hanno portato nella tangenziale di Voghera, con molte curve a gomito nelle città, snervante...
Il problema delle rotonde con terza uscita e’ facile, se la fai nel verso corretto, ovvero senso antiorario la allunghi perché devi fare 270° , se la fai in senso orario la accorci, perché di gradi ne fai solo 90, ma i due gruppi di devono riunire e li quelli che la fanno in senso corretto, la hanno già imboccata e vanno come delle schegge, gli altri devono frenare ed immettersi, passando dai 15/20 km/h ai 40/45 del gruppo che arriva in piena e spesso ci sono stoccate, schivate, urla ed incidenti. Dopo Novi Ligure in uno di questi imbuti, il disastro..., 5 o 6 ciclisti atterra che si muovevano come "larve", occhiali pezzi di bici e di tutto di più da schivare a 30/35 km/h, nonché gli atleti stessi, brutto. Dopo i ciclisti si sono calmati per una mezz'oretta-oretta scarsa, quando dopo 10 minuti non vedevo più Denis e la mente va subito all'incidente , ''CAZZO!!! Non lo vedo più'', accelero e risalgo il gruppo come un forsennato per vedere se era avanti e dove??? Aumento la velocità oltre i 50 km/h e da sopra un viadotto lo vedo in mezzo al gruppo, che sollievo… Vado da lui e gli dico "cazzo pensavo che fossi tu!" e lui "non ti sentivo più (allude al rumore delle mie ruote), ero preoccupato...".
Piove che dio la manda, piove tanto, si formano chiazze lunghe anche 5 metri. Siamo nel gruppo di testa, io rimango scoperto sul lato destro per non rischiare le stoccate di gruppo, rimango fuori il più possibile, e' pericoloso e nei viadotti si vedono i primi a 300-400 mt davanti a noi. Per evitare una pozza esco sulla sinistra e uno mi respinge quasi dentro, gli dico "ma che cazzo fai??", e lui dice qualche cosa facendomi capire che gli ho tagliato la strada e gli dico "ma scusa non vedi la pozza, ma come cazzo pedali?", e lui mi fa un gesto di andare a fare in cu.. e va avanti. Piove e per fortuna che Denis aveva ritrovato gli occhiali che aveva perso la sera prima in hotel, 5 minuti prima di partire ho chiesto ed erano la, altrimenti lui doveva rallentare. Acqua dal cielo e dalle ruote dei concorrenti dinanzi a noi, era veramente brutto, acqua sporca con sassi e cosi da almeno un’ora e mezza, ma non per questo la media scendeva anzi, era oltre 39.5 Km/h!!!

Finalmente Ovada, dove inizia la salita del Turchino, media fino qui 38.5 per 3 ore e 8 minuti!!! Avevo perso Denis solo una serie di rilanci circa 15/20 minuti prima, in un pezzo velocissimo, penso con media di quel tratto sia di oltre 41.5 km/h. Ero ancora nel gruppone che si era separato in due o tre, ma abbastanza vicino tutto ancora, ma ero un po indietro, troppo pericolo e non me la sentivo più di stare un quel manicomio…
Al ristoro mi chiama Denis, gli urlo "IO PROSEGUO NON MI FERMO", lui mi aspettava da qualche minuto, siamo partiti per il Turchino, mi faccio scattare una fato da densi e la pubblico al volo e si parte. Eravamo un gruppetto di 10-12 e si parlava di Ironman, dato che avevo la maglia di Lanzarote, oramai tutti sanno che cos'è' un Ironman, no come quatto o cinque anni fa, si stava bene a chiacchierare e pure io stavo bene di testa soprattutto, mangio e bevo, si sale ma nulla di difficile, anzi, bene. In meno di un'ora eravamo in vetta e quando ho visto la galleria che separa Lombardia e Liguria mi sono detto, "be, tutto qua??", conoscevo quella galleria perché il tipo del Meschio Caneva me ne aveva parlato. Giù veloci, ma io non mi rischiavo con le ruota a razze, la bici e’ instabile, comunque si viaggiava anche a 70 km/h. Si vedeva il mare, Genova e la Liguria, una grande emozione partendo da Milano, quel mare che ci avrebbe accompagneranno per oltre 150 km, infatti a Genova ne avevamo fatti circa 140, la metà.

Inizia il delirio!!! Se prima a rompere il fiato sono state le oltre 50 rotonde con annesso rilancio e modalità operativa prima illustrata, dove si passava da 20 km/h a 48 km/h, ora sono i saliscendi a farla da padroni, alcuni duri altri meno, a infiniti... su e giù e poi su e giù, strade spesso pericolose per il traffico aperto, soprattutto nei paesini. Arriviamo a San Giacomo, poi Varazza e su e giù ancora, finalmente Savona... eravamo al 180 km, dove tutti i triathleti solitamente si fermano e mi e’ ritornato in mente un’anno fa a Lanzarote dove il dislivello e le condizioni del vento erano diverse, ma la distanza la stessa, la stessa che avevo già raggiunto 6 o 7 volte da febbraio 2013 per preparare questa gara e mi è scappato un sorriso, ma sapevo che era ancora lunga, anche se non avevo la maratona da fare era molto difficile perché i ritmi sono stati altissimi e i saliscendi ancora molti, troppi...

Arrivammo ad una bella salita, chiamata ''le manie''. Eravamo in un bel Gruppo di una decina di persone poi se ne sono aggiunte altre 5 o 6 tirati su per strada, ma a finale ligure un bruttissimo incidente con uno steso con collare e spinale, flebo e autoambulanza pronta a partire, ed ecco lo spettro di Trieste 2007, quando in quelle condizioni ero io, che brutto, ci scambiano due parole con Denis e gli altri e via, scatto un paio di foto, ma poco prima di Imperia e precisamente a Loano al 210 km ecco il maledetto crampo che mi prende il quadricipite. Me lo aspettavo al 180 km, ha solo ritardato, ma stranamente non mi ha preso il solito posto, penso "ho lavorato bene in quest'ultima settimana". Mi fermo e perdo il gruppo e Denis si ferma con me, gli dico "DENIS VAI!!!" a lui "MAI!!!! SIAMO PARTITI ASSIEME ED ARRIVEREMO ASSIEME!!!!". Tiro un po’ per 2,3 minuti, massaggio e rilasso e passa come immaginavo, gli dico "DAMMI ANCORA 10 MINUTI IN SELLA CHE MI CONOSCO E SO COSA MI CI VUOLE POI PASSA, IL RITMO LO FACCIO IO PERO'" e lui "OK, fai tu...".

Ripartiamo e con allunghi muscolari ed altri esercizi in sella, lo domo e mi passa! ''Grande'' dico e intanto ritorna a piovere, la strada è bagnata e liscia ed avevamo un altro gruppo, più calmo questo, meglio. Per mettermi la mantella anti-pioggia quasi mi pianto su una rotonda e rimango dietro, allora allungo e li riprendo, bene. A 220 km arriviamo al 2° ristoro, mi fermo, mangio e bevo adeguatamente e dico a Denis ''riparto piano raggiungimi''. Intanto arriviamo a Capo Berta, una salitella insidiosa e li la gente incitava. Si trovavano spesso degli svizzeri con dei campanacci, sempre gli stessi con un furgone rosso e la inconfondibile bandiera. I concorrenti erano almeno metà stranieri da tutta europa, tanti svizzeri ed inglesi, ma anche tedeschi e molti anche dal Belgio, si vede che all'estero la milano-sanremo e' veramente un mito, tanti con magliette e divise fatte apposta per l'occasione, un grande evento ed una grande festa per tutti. Anche da tutta italia comunque dal sud e isole comprese.

Andava meglio anche se la fatica ora iniziava a sentirsi, guardo e leggo 257 km, intanto avevo perdo un monodose di carboidrati liquidi che mi serviva sul Poggio, ''CAZZOOOO!!!'' e sorrido "VABBE CI PENSERÒ DOPO". Avevo calcolato bene il cibo, dai 3 panini alle proteine piu' o meno nobili, ai mitici HOM e VLT del Checco, alle Laptoglobuline e le barrette, sali potassio magnesio e tutto il resto, ma quella monodose mi serviva... La pioggia era finita e mi sentivo sollevato per questo. Intanto ripensavo a tutti quei paesini che ci eravamo fatti prima in macchina e poi in treno in senso opposto e ora in bici, in 24 ore 3 volte e mi sono detto "non siamo mica tutti apposto io e Denis pero???" e intanto iniziamo la salita che porta alla località della Cipressa, 5 km di salita, bella e dura, solo se fatta a quel punto di gara, chiacchiero con Denis e passa, ma la discesa e’ stata indimenticabile, bellissima con una vista su Santo Stefano a Mare indimenticabile, solo quella discesa vale tutta la fatica fatta e li mi gaso e scendo bene, ecco un altro tratto di costiera e si risale il famigerato Poggio e dico a Denis ''dai vai!!'' e lui "MAI!!". Si sale per 3 km, tra le serre di fiori e il mare che si scaglia dinnanzi a noi, bello e soddisfazione, ma mi passa un cadavere che avevo superato prima, mi sono detto "vedi tu, e’ rinato a nuova vita...". Quanti cadaveri che abbiamo lasciato dietro e mi ritorna allora in mente una frase detta da Denis qualche ora dopo Savona quando abbiamo passato un gruppetto di ciclisti: "hai visto erano già in putrefazione", poi si arriva al paesino del Poggio, prima del paese un po di crisi, fame e mi dico ''il monodose...'' e mi ricordo che forse avevo ancora una barretta, c'era!! Presa e divorata in 10 secondi, stavo meglio anche perché da li era solo discesa per arrivare a San Remo. In città si pedala bene gli ultimi km, poi si curva a destra e il viale con la gente e il gonfiabile blu con scritto Arrivo!!!

Siamo arrivati assieme e le gambe mi hanno tenuto, grazie a tutti i lavori fatti in questi ultimi 15 giorni e grazie anche all'uscita di forza-ossigeno con Bregolin. Non ne ho sbagliato uno e non e’ stato facile, azzeccare tutto, questa gara non e’ per tutti ed e’ molto difficile perché non molla mai, ma quando arrivi sei felice. Un ringraziamento particolare a Denis che ha voluto farla con me anche se lui avrebbe potuto arrivare prima e se lui non era con me io sicuramente dopo. Il garmin mi segnava 9 ore e 16 minuti 31.8 di media (con finzione autostop ha tolto la fermata del ristoro di 8 minuti). Con Denis è stato bello condividere anche il percorso che ci ha portato alla gara in questi lunghi quattro mesi freddi, due randonnée, un lungo a Lignano e un paio di uscite una sotto la pioggia che ricordo molto bene...

Poi pasta party e inizia a piovere. Andiamo verso la macchina, in bici, che slavinava di brutto e intanto concorrenti che arrivavano sotto la pioggia e ho detto a Denis ‘’ti immagini arrivare ora??’’ e lui "speravo che cosi non fosse...", arrivare con la pioggia sarebbe stato troppo triste. In stazione dei treni, avevamo lasciato la macchina alle 11:30 del giorno prima, per prendere il treno per Savona e poi Milano Rogoredo, da li in bici fino ad Assago 15 km per Milano per prendere il pacco gara prima delle 19:00. Questo viaggio lo avevo preparato fino nei minimi dettagli da un pezzo. Eravamo partiti da Udine alle 3:45. E ora ci aspettava il rientro e la costiera per la QUARTA volta in DUE giorni scarsi, ma era l'ultima e la più bella. Ho detto "SIAMO FUORI" e lui ride. Ci ritrovavamo nei sotterranei a cambiarci al volo e buttare la roba in macchina come veniva per il rientro, erano le 17:20, via si parte!!! All'andata abbiamo anche sbagliato strada e siamo arrivati ad Alessandria, quindi avevamo le antenne ben alte per non rifare errori. Finita la Liguria con il turchino ovest finisce, arriviamo a Piacenza in un batter occhio, chiacchierando del più e del meno, del Mongi, OVVIAMENTE, in particolare del perché non fosse con noi e gli telefoniamo. Verso le 22:00 benzina e caffè mancavano, ci fermano ed entriamo in autogrill, le gambe come due blocchi di marmo e dico "figata, le hai pure tu?? e lui replica con un netto " E' CHIARO!!!!".

Si riparte e siamo Remanzacco verso le 00:45 dove vive Denis. Rientro a Udine, scarico tutto in cantina e salgo a casa. Mia moglie dormiva da un pezzo, avevo messaggiato e sapevo che si era coricata. Faccio pianissimo, una bella doccia e alle 2:05 spengo la luce e dico tra me e me "UN FANTASTICO E WEEK END DI PAURA!!!" e rido soddisfatto. Sensazioni forti, anche troppo per i miei standard, erano anni che la Milano-Sanremo mi girava per la testa, da quando con il Mongi nel 2004 mi pare, si parlava della cosa ai Rizzi con un tipo svitato che si faceva 400 km ogni week end e che l'aveva fatta e ora la ho fatta pure io e la ho fatta ANCHE BENE, mi ero messo come obbiettivo 10 ore e 30 km/h di media, meglio di cosi!!

Con l’ Ironman di Lanzarote ho chiuso due dei tre cerchi che avevo aperto da molti e molti anni, ora posso fare sogni tranquilli e pensare ad aprirne altri, nuovi e più avvincenti, anche se ne dubito più emozionanti... si fa per dire ;-)

p.s. il terzo e’ la maratona di N.Y. che e’ li dal 1980, da quando correvo con mio padre a 9 anni e lui mi parlava di questa gara, prima o poi la farò, anche perché delle tre era la più facile. Big Grin


Allegati Immagini
   
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
17-06-2013, 17:57 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 17-06-2013 17:58 da Benedictus.)
Messaggio: #14
Shocked RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
(17-06-2013 13:05)Benedictus Ha scritto:  FINALMENTE LA HO FINITA, CI HO LAVORATO UN PO NEL WEEK END, SE CI SONO ERRORI SCUSATE.
...

Matteo... ho quasi imbarazzo a scrivere qualche cosa! Per la seconda volta (dopo Lanzarote) hai scritto un racconto degno di essere pubblicato e sono contento di esserne uno degli attori!
Anche per me è stata un avventura fortissima che mi è rimasta ancora addosso. Il momento della gara è stata solo una parte di essa!
Per cui ringrazio te (ed il fornitore del prosecco del matrimonio di Ale) che mi hai convinto e sostenuto altrimenti ad una gara così non mi sarei mai iscritto!
Bravo oltremodo perché hai dimostrato che la convinzione è il primo dei requisiti di uno sportivo: sono certo che se ti avessero detto all'arrivo: "guarda che adesso devi ritornare a Milano in bici" tu ti saresti rigirato e saresti ripartito mentre io avrei sterminato con una raffica di mitra tutta la giuria e poi sarei svenuto!
Sono altresì certo che questa era solo l'inizio di una lunga serie di "avventure" insieme (e già sai a cosa mi sto riferendo) Smile)
Alla prossima!!!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
18-06-2013, 08:41
Messaggio: #15
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
Caro Matteo, ancora complimenti per l’ impresa, è sempre emozionante e divertente leggere i dettagli delle tue avventure sportive !
Diciamo che il più grande sacrificio è sempre la preparazione e la speranza che tutto vada alla perfezione, o quasi, sia negli allenamenti che nella gara vera e propria.
Adesso vedi di risolvere con la caviglia, che facciamo un bel gruppetto per la grande mela …Shy

Mandi
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
28-12-2013, 13:29 (Questo messaggio è stato modificato l'ultima volta il: 28-12-2013 13:30 da Benedictus.)
Messaggio: #16
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
DENIS IOAN, AUGURI!!!!!!


Allegati Immagini
   
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
28-12-2013, 15:02
Messaggio: #17
RE: 2013 Milano-Sanremo 297km
(28-12-2013 13:29)Benedictus Ha scritto:  DENIS IOAN, AUGURI!!!!!!

RICAMBIO GLI AUGURI! Smile P.S. Quest'anno non ci vedranno a Sanremo...ci sono altri appuntamenti interessanti a cui pensare Smile In bocca al lupo!
Trova tutti i messaggi di questo utente
Cita questo messaggio nella tua risposta
Rispondi 


Vai al forum:


Utente(i) che stanno guardando questa discussione: 1 Ospite(i)